Il ransomware più pericoloso si chiama “mezza verità”